Partecipanti

Dipartimento di Agraria dell’Università di Napoli Federico II (DiA-UNINA)

Dipartimento di Agraria dell’Università di Napoli Federico II (DiA-UNINA) coinvolge chimici, biochimici e microbiologi del suolo nonché ingegneri idraulici ed economisti agrari, tutti di grande esperienza nelle proprie aree di competenza e di rilievo nazionale ed internazionale.  Oltre a impostare il piano sperimentale i professori e ricercatori studieranno le proprietà chimiche, biochimiche e microbiologiche dei suoli dei campi sperimentali sottoposti ai diversi ammendamenti. Saranno inclusi nello studio anche gli eventuali flussi di nitrati nel sottosuolo per contenere l’inquinamento delle falde nel rispetto della normativa vigente. La specifica competenza degli economisti nell’analisi della Life Cycle Assessment permetterà di avere anche una valutazione globale dell’innovazione proposta in termini di impatto socio-economico e ambientale.

CREA – Centro Orticoltura e Florovivaismo (CREA-OF)

CREA – Centro Orticoltura e Florovivaismo (CREA-OF) parteciperà con ricercatori esperti nella caratterizzazione di compost dal punto di vista microbiologico al fine di accertare la sanità del vermicompost e delle proprietà biostimolanti. I ricercatori del CREA con una riconosciuta esperienza di studi di pieno campo seguiranno i rilievi qualitativi e quantitativi della produzione nelle due aziende coinvolte nella sperimentazione.

Aziende Agricole Irma Sorgente e Cerro di Marino Sorgente

Aziende Agricole Irma Sorgente e Cerro di Marino Sorgente saranno il centro operativo del progetto in cui si istalleranno i campi sperimentali, nel rispetto delle loro produzioni ordinarie. Entrambe hanno delle ampie superfici sotto tunnel da dedicare alle diverse tesi sperimentali e del personale da dedicare alla gestione agricola stabilita dal piano sperimentale.

C&F Energy Società Agricola

C&F Energy Società Agricola fornirà il vermicompost proveniente dal compostaggio del digestato solido del proprio impianto ad alta tecnologia di trattamento di deiezioni zootecniche. È già da diversi anni presente sul territorio della Piana del Sele e ha il grande vantaggio di essere in rete con un’azienda bufalina biologica che rende possibile la produzione di vermicompost idoneo per la coltivazione di prodotti per la IV gamma anche in biologico. Si rende inoltre disponibile a variazioni del processo al fine di migliorare la qualità del vermicompost da utilizzare nel progetto.

OP Terra Orti

OP Terra Orti rappresenta l’anello di congiungimento con la realtà produttiva della Piana del Sele e le altre realtà presenti nella Regione Campania. Si farà carico di portare avanti le attività di divulgazione del progetto e dei risultati a tutti quei soggetti interessati all’innovazione di processo e di organizzazione proposta dal progetto FERTISELE ovvero aziende agricole per la IV gamma in biologico e in convenzionale, ma anche aziende agricole non per la IV gamma, comunque attente al recupero della sostanza organica dei loro suoli o aziende zootecniche interessate a contribuire ad un’economia circolare  nella Piana del Sele e nell’intera regione Campania.